Family Day: arriva la propaganda omofoba

volantino fondamentalistaDiffuso in rete il volantino che incita i fedeli ad “opporsi” al riconoscimento legale delle unioni omosessuali, inneggiando ad “atti impure che gridano giustizia agli occhi di Dio”. Una parrocchia del triveneto organizza un vero e proprio viaggio con pic-nic in salsa integralista e, c’è da scommetterci, non sarà l’unica in questi giorni, se consideriamo la capillare diffusione di messaggi copia-incolla nel periodo in cui il nemico principale era il “gender”.
Immediata la replica dei cristiani omosessuali: “ecco lo spirito con cui alcuni cattolici scenderanno in piazza per il family day, nel bel mezzo del giubileo della Misericordia”, scrive Andrea Rubera su Facebook, portavoce di Nuova Proposta.
Dopo la libertà di coscienza della CEI e le differenti prese di posizione dei vescovi italiani, il family day rivela tutta la propria parzialità: non rappresenta né le famiglie “tradizionali” eterosessuali, né tantomeno i cattolici. Una situazione ben chiara anche dalle dichiarazioni del presidente del Forum Famiglie, che ha ben spiegato come i veri problemi delle famiglie italiane siano il fisco e il quoziente familiare.

La redazione

Tags: × ×