One Question: sessualità, salute e famiglie, visita il nuovo sito

ONE QUESTION -> VAI AL  SITO


Live streaming video by Ustream

Come annunciato lo scorso 25 ottobre a Siracusa, oggi lanceremo il nuovo portale web “One Question”, un progetto di assistenza diretta e informazione rivolto a tutte e tutti sulle questioni della sessualità, della salute e delle famiglie. One Question è stato realizzato in collaborazione con Gaynet e rappresenta un’evoluzione naturale dell’azione che ANDDOS svolge quotidianamente nei confronti dei suoi oltre 110.000 soci.

Il portale si propone di offrire, con un linguaggio semplice, diretto ed esplicito, un prospetto sistematico di conoscenze all’intera popolazione italiana, non solo LGBTIQ, che riguardano gli ambiti della sessualità, della salute psicofisica, dell’affettività e dei diritti, rivolgendosi a chiunque, di qualsiasi età e background socioculturale, desideri o abbia bisogno di informarsi su questi argomenti.

L’idea è quella di promuovere informazioni chiave che possano contribuire a costruire una consapevolezza del sé, del proprio benessere e dei propri diritti al di là della mera salute medica, partendo dall’idea che l’identità personale è basata su un tessuto di relazioni, di legami sociali, di rapporti di lavoro, e anche di relazioni affettive e sessuali.

L’utenza del sito potrà rivolgere in completo anonimato domande su qualsiasi argomento, in chiave pubblica (visibile al resto dell’utenza) o privata, attraverso una breve registrazione gratuita al sito. Diverse figure professionali che da anni collaborano volontariamente con ANDDOS, risponderanno sotto il profilo medico, psicologico, sociale e legale.

Particolare cura verrà seguita nell’impiego del linguaggio usato nel sito e nelle risposte, un linguaggio agile accessibile e comprensibile da ogni persona, rispettoso e accogliente delle diverse identità.Dal 1 dicembre portale funzionerà anche attraverso l’app di ANDDOS, One Pass

Il sito offrirà anche diversi contenuti di utilità immediata, come ad esempio un elenco dei luoghi in cui è possibile fare i test per le MST, ampie pagine dedicate al lessico sulle identità e sulle pratiche sessuali,  numerose informazioni su aspetti fino ad ora poco affrontati sul piano dell’informazione, come le relazioni familiari e sentimentali e i diritti effettivi delle persone discriminate.

L’idea che muove il progetto è che sia necessario affrontare alla radice certi tabù sociali sulla sessualità e l’affettività per rimuovere effettivamente tutte le discriminazioni e riuscire ad aiutare concretamente moltissime persone