Pestaggio a Primavalle: si scrive “gender” si legge omofobia.

primavalleBotte e contusioni fino allo stato di shok al grido di “frocio di merda” in pieno giorno. Quanto è successo a Primavalle a Roma ha dell’increscioso e testimonia l’urgenza di agire subito in maniera immediata sul piano educativo e della formazione. E’ ormai evidente, infatti, che si scrive “gender” e  si legge “omofobia”, e della peggior specie, l’omofobia di chi urla ad un allarme che non esiste con la mera scusa di speculare sui pregiudizi più bassi e retrivi.  Bisogna fermare l’orribile propaganda omofoba degli ultimi mesi, che produce inequivocabilmente i risultati che abbiamo visto in questi giorni, suicidi, pestaggi e situazioni di eslusione persino nelle aule scolastiche.

Gli unici spazi sociali in cui è possibile prevenire simili violenze sono la scuola, in cui è necessario sviluppare da subito un programma organico di educazione sessuale e affettiva, e la formazione delle figure professionali chiave quali i docenti, gli operatori della pubblica amministrazione e dell’informazione. Anddos sta lavorando su questi fronti in sinergia con associazioni e istituzioni, sviluppando in particolar modo un sistema di ascolto e assitenza concreta per coloro che subiscono discriminazioni. Auspichiamo che amministrazioni ed enti locali e nazionali mostrino da subito una maggiore sensibilità al tema.

Mario Marco Canale

Presidente Nazionale Anddos