Samuel Eto’o campione contro il razzismo

Il prestigioso riconoscimento Medal of Tolerance consegnato a Londra al fuoriclasse Samuel Eto’o  conferma le qualità anche umane di questo assoluto campione che si distingue con la stessa bravura anche fuori dal rettangolo di gioco: il suo impegno in prima linea nella lotta contro il razzismo è, infatti, il valore aggiunto di questo eccezionale professionista che si è fatto sempre amare ed apprezzare nella sua lunga e brillante carriera.

Concordiamo in pieno le sue parole sulle potenzialità educative che può avere il calcio, come strumento di unificazione e non certo di divisione. Oggi è indispensabile educare anche nello sport, per una nuova società globale in cui siano rispettati i diritti umani di tutti. Senza alcuna distinzione di razza, sesso o religione. Ma educare alle differenze significa prima conoscerle: scoprire, accettare ed integrare le diversità in funzione di un reciproco arricchimento”.

Il prestigioso riconoscimento all’ex gloria del Barcellona arriva proprio in occasione della settimana contro il razzismo che in Italia vedrà in programma alcuni appuntamenti culturali di rilievo, tra cui a Roma il convegno appena svoltosi ieri lunedì 16 marzo organizzato dal circolo Anddos-Gaynet Roma, “Straniero e omosessuale”, contro le discriminazioni delle persone omosessuali che chiedono protezione in Italia.

Mario Marco Canale

Presidente Nazioale ANDDOS