Status di rifugiato a ragazzo gay georgiano, ottimo risultato

ANDDOS esprime soddisfazione per l’operato del Circolo Mario Mieli, che grazie al proprio servizio di assistenza legale è riuscito a far ottenere lo status di rifugiato ad un ragazzo georgiano in fuga dal proprio Paese per via della propria omosessualità.

Nonostante in Georgia abbia depenalizzato l’omosessualità nel 2000 e nel Paese viga una legge contro le discriminazioni da orientamento sessuale già dal 2006, l’apertura non è stata ancora pienamente accolta dalla società, nella quale permane anzi un fortissimo stigma e un pesante clima di intimidazione e invisibilità.

Siamo convinti che l’Italia possa fare molto per offrire aiuto a coloro che si trovano in queste situazioni e daremo il nostro contributo, inoltre, per aiutare materialmente tanti ragazzi e ragazze che si trovano in difficoltà anche in molte aree del nostro territorio nazionale.

Mario Marco Canale,

Presidente Nazionale ANDDOS 

Tags: × × × × ×