Tra preghiere e contro manifestazioni: ecco il primo Summer Pride a Rimini

13879453_10154524191627847_4870310170936931847_nUna località tradizionalmente rinomata per il turismo, il mare e le vacanze, una meta ambita da italiani e turisti stranieri, in cui fino ad ora il vento arcobaleno aveva faticato a soffiare.

Da domani Rimini e la riviera avranno un colore un pò diverso, più vicino ai sei colori della bandiera rainbow: l’onda pride sbarca anche qui, grazie al lavoro del circolo Arcigay Rimini Alan Turing, che ha ottenuto il patrocinio del comune e il supporto dell’amministrazione.

Il Summer Pride sarà il primo pride della Romagna, con un nome, un progetto e un’organizzazione che vogliono andare ben oltre quella di un pride cittadino. Già da ieri è attivo il Pride Village a piazzale Kennedy,  che coinvolge le attività della zona, mentre le spiagge limitrofe (dal 25 al 28A) ospiteranno eventi come lezioni di yoga, letture di poesie e assaggi di birra, inoltre, le attività commerciali della piazza destineranno parte del ricavato di quei giorni all’organizzazione del Summer Pride Village.

La giornata di domani, invece sarà invece dedicata alla parata: appuntamento alle 18:30 a piazzale Kennedy per il raduno e partenza alle 19:30. Il corteo sfilerà per il lungomare fino a toccare la ruota panoramica (zona porto) per poi giungere alle 21 in piazzale Fellini. Dal palco si susseguiranno esibizioni, interventi politici e musica. Verso l’1, la festa si sposterà nel vicino locale Coconuts/Fuera per il party ufficiale.

13615182_10154189144131357_8693092373652762818_nL’impatto nel tessuto sociale del Summer Pride è evidente anche dalle reazioni di alcuni gruppi conservatori: La Fraternità sacerdotale San Pio X ha organizzato nello stesso giorno della parata, un’adorazione dell’Eucarestia e la recita del rosario per “implorare il perdono dell’Onnipotente per l’offesa alla Sua Legge e per lo scandalo pubblico arrecato“.

Come spesso accade nelle prime volte, infine, non poteva mancare la contro manifestazione di Forza Nuova  “in difesa dei valori della famiglia tradizionale” che si svolgerà proprio in prossimità e in concomitanza del Rimini Summer Pride.

“Non abbiamo paura – ha commentato il presidente di Arcigay Rimini Marco Tonti – se non c’è la paura, non c’è neanche il rischio”.

La redazione

Tags: × ×