Unioni Civili, salta il canguro: Lega ritira emendamenti, ma ne restano 800.

Doveva essere una giornata decisiva quella di ieri sulle unioni civili, ma una serie di fattori hanno fatto sì che 4 ore di discussione si concludessero con un nulla di fatto. Dopo numerosi interventi di carattere procedurale la Lega ha ritirato 4500 emendamenti, lasciandone solamente 500. Il PD ha insistito per il voto sull’emendamento Marcucci, in grado di eliminare gran parte degli emendamenti ostruzionistici compresi quelli dei cattodem, ma il M5S, dato il numero degli emendamenti rimasti, ha ritenuto che fosse possibile continuare la discussione, cambiando quindi idea sul voto del “canguro”. A quel punto, la senatrice De Petris di SEL ha chiesto di sospendere la seduta.

Nonostante l’appoggio delle associazioni alla soluzione del “canguro”, nei fatti, rimangono oltre 800 emendamenti da votare, compresi gli emendamenti al ribasso dell’area cattolica del Partito Democratico e alcuni emendamenti “trappola” della lega, che eliminerebbero alcune parti della lega come la stepchild adoption.
“Avremmo votato il Marcucci di fronte alla minaccia di 5000 emendamenti meramente ostruzionistici, ma se il numero scende a 500 si rende possibile una discussione, e ne va di un principio di metodo che il M5S ha sempre sostenuto”, ha spiegato Alberto Airola, senatore M5S. Nella giornata di oggi dovrebbe riprendere la seduta con l’inizio del voto sugli emendamenti.

La redazione

Tags: × ×